Oratorio S.Teobaldo a Sossano. Presentazione libro di M.Grazia Bulla Borga

A Teobaldo sono dedicate chiese e altari in tutta Europa. Appartenente ad una nobile famiglia di Provins (Francia), lasciò i propri beni per farsi eremita ma anche pellegrino. Secondo la tradizione, nel cammino verso Gerusalemme (avendo come meta Venezia, da cui si sarebbe imbarcato), ammalato si fermò vicino ai colli Berici, trovando rifugio a Saianega, presso l’odierna Sossano (Vicenza), ove poi morì. La sua fama fu tale che fu proclamato santo a pochi anni dalla morte, avvenuta nel 1066.

La storia di San Teobaldo e dell’area di Saianega, oggetto del recente libro della storica e ricercatrice prof.ssa Maria Grazia Bulla Borga, basato su accurate ricerche d’archivio e arricchito di immagini e mappe, viene ad inserirsi nelle iniziative volte a sviluppare a Montagnana e nel territorio dell’antica Sculdascia il percorso della Romea Strata, progetto promosso e coordinato dall’Ufficio Pellegrinaggi della Diocesi di Vicenza.

Il libro su S.Teobaldo, i monaci ospedalieri e il romitorio di Saianega sarà presentato sabato 14 aprile 2018, alle ore 17.00, presso la Sala Veneziana di Castel S.Zeno di Montagnana.
Scarica il pieghevole con il programma

Percorso “Romea Strata”

“Romea Stata” è un progetto avente lo scopo di riproporre in chiave moderna antichi cammini che dalla valle dell’Adige (per chi proveniva dal Nord Europa) e dal Friuli (per chi veniva dall’Austria e dall’Est Europa) portavano i pellegrini a Roma. Tale progetto è stato ideato a cura della Diocesi di Vicenza, ed è dettagliatamente illustrato con una guida pubblicata dal T.C.I. e sul sito ufficiale di ROMEA STRATA. Un nodo importante di questo percorso è stato individuato a Montagnana, ove convergevano le due grandi direttrici, quella proveniente da Nord (Trento-Verona) e quella da Nord-Est (Tarvisio-Alpi Giulie e Grado). Nel novembre 2017 è stato avviato un progetto particolareggiato per il tratto che attraversa il Montagnanese, coordinato dal Comune di Montagnana, in concorso con alcuni vicini Comuni (Urbana, Casale di Scodosia, Borgo Veneto) e con enti privati e associazioni culturali (Parrocchia del Duomo, Italia Nostra, Centro di Studi sui Castelli, Lions Club Host Montagnana-Este, MontagnanaFilmForum, Fondazione Lucco).

La presentazione del progetto per il Montagnanese e degli intendimenti ideali che lo motivano avrà luogo sabato 10 marzo 2018, presso l’Ala Veneziana di Castel San Zeno.
Scarica la locandina-programma del convegno